So scrivere senza guardare la tastiera, ma non so guardare la tastiera senza scrivere. CEO & Founder di Pennamontata, content designer e formatrice.

GIF e content marketing: ricetta perfetta o mappazzone?

Gif nel content marketing

in sintesi

Noi le abbiamo usate qui e le riteniamo un ottimo strumento di visual content marketing. Se tu, invece, ancora non hai capito che diamine fartene delle GIF, poco male: lo capirai oggi. In questo post scoprirai la GIF-grafico, la GIF-spiegazione, la GIF-supporto. E ti porterai pure a casa dei consigli per realizzarle. Pronto? Siediti, va’, che ho già apparecchiato e sto per servirti un bel mappazz… ehm.

Bistrattate dai puritani del visual d’autore. Ridicolizzate dagli hater di turno. Vestite di bimbominkiosità. Povere, povere GIF: ma che hanno fatto di male?

Se le GIF ti incuriosiscono, anche se temi “l’effetto mappazzone” nelle tue pagine, fermati. Ho apparecchiato per te un bel post: il mio obiettivo è quello di farti assaporare il lato gustoso delle GIF. E, chissà, magari scoprirai che la ciliegina sulla torta della tua strategia di content marketing possono essere proprio loro. [Per saperne di più…]

Benvenuto nel mondo delle welcome email. Scrivile così

Welcome email

in sintesi

Saluto, entusiasmo, invito all’azione, riepilogo, post scriptum, tono di voce consono, copywriting di fino e… Ah, scusa: stavo ripassando gli elementi che caratterizzano una welcome email. Adesso il post è pronto per te. Ti stavo proprio aspettando. Benvenuto.

Non so te, ma io…
Non sopporto le persone che entrano in ufficio e non danno il buongiorno ai colleghi.
E non sopporto le aziende, cui lascio i miei dati di contatto, che non mi danno il benvenuto. Che non si presentano. Che sottovalutano l’importanza di una email precisa: la welcome email.

Sembro Puffo Brontolone, lo so. Ma non dà fastidio anche a te la freddezza delle persone? A me sì. Mi procura lo stesso fastidio del mignoletto del piede che urta contro uno spigolo.

Si parla sempre più di human to human marketing. Ma quante imprese stanno davvero percorrendo i caldi sentieri della comunicazione personale? Quante si affidano a un copywriter per riscaldare i propri messaggi?

Oggi voglio parlarti di uno dei tasselli che contribuiscono a lastricare il lungo, lungo sentiero dell’H2H marketing. Quello che anche la tua azienda dovrebbe battere.

Ti spiegherò come si scrive una welcome email e ti mostrerò esempi di email di benvenuto a cui ispirarti per la tua. Perché da domani ne avrai una anche tu, per la tua newsletter e per i tuoi servizi. Ccciusto? [Per saperne di più…]

La riprova sociale è oro. Applicala come loro

Riprova sociale persuasione

in sintesi

Robert Cialdini sostiene che “uno dei mezzi che usiamo per decidere che cos’è giusto è cercar di scoprire cosa gli altri considerano giusto”. Lo psicologo parla del “principio di riprova sociale”, uno strumento di persuasione, etico e potente, che ci aiuta ad aumentare il ROI. In questo post ti mostrerò tanti esempi di riprova sociale applicata, da riadattare subito per il tuo business.

Ne avrai sentito parlare. Ne avrai letto qua e là. Ti ricorderai del capitolo che le ha dedicato Robert Cialdini in “Armi della persuasione” e avrai subodorato che è un po’ come l’oro. Ma, in fondo in fondo, mica l’hai capito proprio tanto bene come applicare ’sta riprova sociale. Vero?

Prova che ti riprova a cercare un post chiaro e utile sull’argomento, secondo me sei capitato nel posto giusto. E non lo dico io, eh. Lo dicono le mijaaaaaja di persone che leggono i post Pennamontata. (Sa, sa, saah. Riprova.)

Vediamo se indovino.

Quello di cui hai bisogno non è tanto sapere cos’è la riprova sociale, né leggere l’ennesima definizione presa da Wikipedia. Credo tu voglia capire come puoi sfruttare la riprova sociale all’interno del tuo sito e aumentare così il ROI. Credo tu voglia vedere degli esempi che possano esserti d’ispirazione. Casi da replicare, già da oggi, col tuo brand.

Perfetto. Sapevo che sei uno che punta dritto al dunque. Eccoti dunque servito. [Per saperne di più…]

Nomi aziendali: come trovarli e come presentarli [+PDF]

Brand name, naming, nome aziendale

in sintesi

Di post con consigli sul naming ne ho già scritti, è vero. Ma siccome so per certo che il naming è un argomento che interessa molto, startup e PMI da un lato e copywriter in erba dall’altro, ho pensato: “Perché non scrivere un altro post? E magari aggiungerci anche un bel documento utile utile da scaricare?”. Pensato, fatto. In questo focus sul naming, quindi, troverai nuovi consigli e un imperdibile regalo: un documento che ti aiuterà a capire come ideare e presentare le tue proposte di brand name ai clienti. Non sono Babbo Natale, ma poco ci manca.

Sin da piccoli siamo abituati a dare i nomi alle cose – il cane che diventa il baubau, prima di diventare un cane vero con un nome vero (tipo Page), la ferita che si trasforma in bua, l’orsetto bianco di pezza che chiamiamo Caccolino che si prepara a diventare un figlio vero. E allora, quando arriva il momento di un vero bebè, lì giù con altre liste di nomi (tra cui persino Chanel).

Quando cresciamo, però, è come se qualcosa dentro ci si atrofizzasse. Quel qualcosa chiamato “fantasia”. Per questo, il giorno in cui ci viene l’idea imprenditoriale del secolo ci ritroviamo paralizzati, senza risposte di fronte alla domanda: “E adesso che nome le do?”. Oppure siamo copywriter alle prime armi e abbiamo bisogno di rimpolpare la nostra dispensa fantastica con idee, stimoli, nuovi strumenti. Il risultato, però, in entrambi i casi è lo stesso: il brand name non riusciamo a partorirlo.

Se il brand name non esce, tu non uscire da questo post perché stai per leggere consigli utili e scaricare un file che ti aiuterà. Per davvero. [Per saperne di più…]

Trucchi di correzione di bozze per il web

correzione bozze web

in sintesi

Prima di pubblicare i tuoi testi, gli fai il pelo e il contropelo? No? Fortuna allora che oggi ti spiego come curare la correzione di bozze per il web. Ti parlerò di come utilizzare gli strumenti di Word per correggere doppi spazi, d eufoniche, maiuscole “accentate” con l’apostrofo, etc. Ti illustrerò anche come apportare le modifiche su un PDF. Insomma, ti aspettano tanti consigli utili per far spiccare il volo alle tue bozze.

Imbozzolate in una matassa di refusi, le bozze aspettano di spiccare il volo. Spesso diventano testi definitivi prima di avere le ali. Così escono dal bozzolo, ma restano solo tristi bozze appesantite da fardelli di errori e sciatteria. Il loro sogno, invece, è quello di mostrarsi per quello che potrebbero davvero essere: testi impeccabili.

Se vuoi dare una possibilità ai tuoi testi web, se vuoi renderli impeccabili e mostrare che il tuo brand tiene davvero alla qualità dei contenuti, resta qui. Imbozzolati dentro questo post: ne uscirai pieno di consigli per la correzione di bozze digitale. [Per saperne di più…]

Headline: il potere della (giusta) domanda

Il potere della giusta domanda

in sintesi

L’azienda Protein World ha di recente lanciato la campagna “Are you beach body ready?” che, nel Regno Unito, è diventata un caso virale. Proprio questa campagna mi ha fornito l’ispirazione per l’approfondimento che stai per leggere, tutto dedicato al potere della giusta domanda nell’headline. La domanda “Are you beach body ready?” secondo te ha funzionato? Per scoprirlo ti aspetto alla fine del focus.

Einstein una volta disse: “Se avessi solo un’ora per risolvere un problema e la mia vita dipendesse da questo, userei i primi 55 minuti per formulare la giusta domanda, perché, una volta trovata, potrei risolvere il problema in meno di 5 minuti”.

Mai sottovalutare l’importanza di una domanda. Soprattutto, mai sottovalutare i rischi di una domanda posta male. In particolar modo nell’headline, il cuore di qualsiasi testo.

Per l’appunto, c’è un errore, un errore che si commette spesso proprio nell’headline. A commetterlo sono perlopiù i copywriter che si fregiano di questo titolo prima del tempo. Ma pure quelli pigri, che di esperienza ne hanno ma che ogni tanto fanno come Super Vicky: mettono il cervello a dormire nell’armadio.

Capita.

Sai a quale errore mi riferisco? Te lo dico subito: non pensare a tutte le possibili risposte della domanda scelta. [Per saperne di più…]

5 estensioni Chrome che semplificano il lavoro dei web editor

Estensioni chrome per copywriter e social media manager

in sintesi

So che sei sempre alla ricerca di strumenti che diano una carica in più al tuo lavoro. Perfetto, allora non staccare la spina. In questo post ti consiglio 5 estensioni di Chrome di cui mi sono innamorata: Bitly, l’estensione Chrome del celebre URL shortener; Hover Zoom, per ingrandire le thumbnail al passaggio del mouse; Social Analytics, per un conteggio veloce delle condivisioni dei tuoi blog post; Checker Plus for Google Calendar, per avere sempre a portata di browser tutti i tuoi impegni; Scrollbar of Contents, per creare un indice interattivo delle pagine web.

È vero, ho già scritto di estensioni Chrome per copywriter e blogger. L’ho fatto in questo post. Ma ormai sono passati 2 anni e io, nel frattempo, ho continuato a cercare le migliori estensioni di Chrome da consigliarti.

Alla fine, spulciandone diverse, ne ho trovate 5 che mi hanno letteralmente conquistata.

Sei carico? Allora seguimi, perché sto per spiegarti le funzionalità di tutti questi fantastici strumenti. [Per saperne di più…]

5 esempi di crisis management. Quando i nodi vengono al pettine

Crisis Management gestione della crisi social

in sintesi

Per gestire bene una crisi non basta agire con velocità. Bisogna saper essere umili, pazienti, empatici e persino simpatici. In questo post passo in rassegna per te 5 casi di crisis management. Per ciascuno troverai una spiegazione dell’episodio che ha fatto nascere la crisi e un elenco di lezioni prêt-à-porter. Perché i nodi, prima o poi, vengono al pettine: meglio farsi trovare muniti di balsamo anti-crisi.

Aprire un’azienda e sperare di non ricevere mai un reclamo è come andare dal parrucchiere, chiedere una spuntatina e augurarsi di uscire senza le doppie punte – e non, come invece accade, senza 10 cm di capelli.
Insomma, è una follia.
Aprirsi ai social e sperare di non venir mai contattati da un cliente insoddisfatto, o dall’allegro troll di turno, è follia al quadrato.
Follia al cubo è aprire un’azienda, decidere di vivere i social e, in caso di critiche, attacchi e crisi endogene, esogene (misogene ed estrogene pure), chiudersi a riccio come il parrucchiere quando lo implori: “Solo un centimetrino-ino-ino, eh. Mi raccomando”.

Perché, sia chiaro, i clienti sanno andarci giù pesante e con le loro lingue taglienti sanno fare ben più danni delle sforbiciate extra del parrucchiere. L’importante è saperlo e, soprattutto, sapere come gestire quei casi in cui il nodo arriva al pettine.

In questo focus sul crisis management voglio mostrarti 5 casi di gestione della crisi. Non tutti sono da prendere come esempio; da tutti, comunque, si può imparare qualcosa. [Per saperne di più…]

La scienza della condivisione. Alla foce del content marketing

Content marketing e scienza della condivisione

in sintesi

Questo è un post che nasce dallo studio di diverse ricerche e che vuole far luce sulla scienza della condivisione. Perché condividiamo di più certi contenuti rispetto ad altri? Quali sono le dinamiche psicologiche e sociali che ci portano a mostrare ai nostri contatti post utili, interessanti e divertenti? Dalla “Ruota delle emozioni” di Plutchik ai post più condivisi del 2014: immergiti con me in un mare di informazioni utili.

Quando si parla di content marketing siamo sommersi da frasi come “i contenuti che pubblichiamo devono essere di qualità”, “i contenuti devono essere utili”, “i contenuti devono essere divertenti e interessanti”. Lo dico sempre anche io, eh. Diciamo così perché un contenuto di qualità, utile, interessante e divertente viene condiviso di più. E fin qui non ci piove.

Ma perché un contenuto di qualità, utile, interessante e divertente viene condiviso di più? Te lo sei mai chiesto? Io sì. Per trovare risposta a questa domanda mi sono tuffata in un fiume di documenti, trattati e ricerche e ho cercato di arrivare alla foce del content marketing.

Se vuoi buttarti a pesce nella scienza della condivisione e scoprire perché, dal punto di vista scientifico, condividiamo certi contenuti più di altri, devi restare qui con me. Caffettino, occhiali da vista, un respiro profondo e passa la paura.

Ti aspetto alla fine. Anzi, alla foce. [Per saperne di più…]

[Quiz] Sai davvero tutto sul content marketing?

Content Marketing

Quiz content marketing

Non ti aspettare un quiz banale. Non ti aspettare nemmeno un quiz noioso o solo divertente o, peggio ancora, un quiz privo di utilità.

Con questo quiz sul content marketing ti divertirai, ti metterai alla prova e ti aggiornerai senza nemmeno rendertene conto. Preparati quindi a ridere, sudare, imprecare e… imparare qualcosa di nuovo sul content marketing.

Io sono pronta a sfidarti con 25 domande. Allora: ci stai?