Corso Seo per Copywriter

Corso Seo per Copywriter

Corso SEO CopywriterSe ne parla tanto ma non tutti sanno cosa sia davvero la SEO e, soprattutto, come riuscire a sposare questa tecnica al copywriting.
 
Ecco allora che ci è venuto in mente di organizzare un corso per copywriter super sfizioso: lo Yummy Writing.
 
In questo post, e negli altri che seguiranno, invece, vogliamo mettere in piedi un Corso Seo per Copywriter online. L’abbiamo preparato per noi stessi, o meglio, per la nostra Francesca. Dopo alcuni mesi di collaborazione con Pennamontata, Francesca si accinge a diventare la nostra redattrice web e deve quindi essere iniziata alle misteriose pratiche della SEO.
 
Allora abbiamo pensato: perché non fare i castratori di canguro di turno e non cogliere la palla al balzo? Perché non condividere con tutti questo Corso SEO per Copywriter in via del tutto gratuita? Infatti lo faremo: condivideremo le varie lezioni seo proprio con te. Sempre se vorrai, ovviamente.
 
Abbiamo avuto questa idea e spero che ti piaccia studiare insieme a Francesca le ultime tecniche SEO per ottimizzare i tuoi testi per Google e migliorare così le tue capacità di copywriting specifiche per la SEO.
 
Iniziamo a vedere come abbiamo organizzato questo Corso SEO per Copywriter.
 

A cosa serve la SEO a una redattrice web?

Il ruolo di una redattrice web è un po’ più ampio rispetto a chi si occupa solo della scrittura dei testi. Una redattrice web, infatti, si deve occupare anche della parte organizzativa dei testi, decidere cioè quali argomenti affrontare e di cosa scrivere.
 
Una redattrice web deve anche dare forma al testo inserendo le immagini o altri elementi multimediali nel posto giusto e con la giusta formattazione. Il tutto per consegnare l’articolo curato fin nel minimo dettaglio e pronto per la pubblicazione. In poche parole, una redattrice web come Francesca si deve occupare di parte degli aspetti sui quali è possibile intervenire direttamente sull’articolo: quei fattori che i SEO chiamano nel loro gergo fattori on-page.
 
Infine, una redatrice web deve avere anche quel minimo di conoscenze per poter collaborare all’interno del team con le altre figure necessarie al successo di ogni sito web.
 

Indice

Ecco quindi quali sono gli argomenti che toccheremo in questo Corso SEO per Copywriter.

  • Pensare per le persone oppure pensare per gli algoritmi di Google?
  • Capire come le persone usano Google: le parole chiave
  • Le parole chiave per un copywriter: gli strumenti da usare
  • Come un copywriter può usare le parole chiave trovate
  • Gli elementi più importanti di un articolo: titolo e meta tag
  • Come usare le parole chiave all’interno del testo dell’articolo
  • I fattori SEO principali all’interno di un testo
  • Come preparare un articolo interessante: gli elementi multimediali
  • Tipi di contenuti testuali
  • L’effetto freschezza: Google Freshness
  • Le domande da porsi
  • Come misurare il gradimento di un articolo
  • Le cose da non fare
  • Il coordinamento con il team

 
Copywriter per le persone o per Google

Pensare per le persone oppure pensare per gli algoritmi di Google?

Ecco la prima domanda alla quale daremo una risposta definitiva. Privilegiare gli aspetti matematici e cercare di scoprire come funzionano gli algoritmi di Google oppure pensare alle persone?
 

Capire come le persone usano Google: le parole chiave

Introduciamo il concetto delle parole chiave, cosa sono e perché sono il pilastro di tutta la search marketing, il settore particolare del marketing che serve a promuovere prodotti e servizi sfruttando i motori di ricerca.
 

Le parole chiave per un copywriter: gli strumenti da usare

Entriamo nel vivo. Vediamo quali sono i principali strumenti che un copywriter può usare per trovare le migliori parole chiave da inserire nei suoi articoli. Scopriamo quindi Google Keyword Tool, Google Suggest, Google, Ricerche Correlate, Google Alert, ecc. ecc. Questo è un compito che non sostituisce la parte strategica del piano SEO ma l’arricchisce.
 

Come un copywriter può usare le parole chiave trovate

Come organizzare la lista delle parole chiave trovate e come usarle poi nei testi. Dalla tecnica della linearità a quella circolare passando per il misterioso algoritmo Latent Dirichlet Allocation.
 

Gli elementi più importanti di un articolo: titolo e meta tag

Prepariamoci quindi a scrivere l’articolo e iniziamo dagli elementi più importanti, il titolo e la descrizione. Vedremo anche come in realtà ci sono 2 titoli e qual è il più importante.
 

Come usare le parole chiave all’interno del testo dell’articolo

In questa parte del corso vedremo se è importante la posizione delle parole chiave all’interno del testo e se esiste una percentuale ottimale di densità, ovvero quante parole chiave inserire all’interno del testo per ottimizzarlo per Google.
 

I fattori SEO principali all’interno di un testo

Vediamo adesso quali sono tutti i fattori interni al testo che Google prende in considerazione per calcolare il posizionamento:

  • il già citato titolo
  • i tag di intestazione h1, h2, h3, h4, ecc. ecc
  • la formattazione del testo in grassetto, corsivo, in colore
  • i link
  • gli attributi alt delle immagini
  • la struttura semantica

 

Come preparare un articolo interessante: gli elementi multimediali

Affrontiamo adesso come arricchire il testo con quegli elementi che spezzano il muro di parole, danno un’ulteriore dimensione e punto di vista al lettore e semplificano la comunicazione del messaggio: le immagini, i video, le slide.
 

Tipi di contenuti testuali

Non esistono solo i post di un blog, ci sono tanti diversi tipi di contenuti testuali che si possono creare: dalle pagine di presentazione aziendale alle faq, dalle interviste agli oroscopi. L’importante è comunicare sempre in forme originali per tenere viva l’attenzione del lettore e trasmettere tutte le informazioni necessarie.
 
Google Freshness

L’effetto freschezza: Google Freshness

Ecco una piccola ma importante novità di Google. Come sfruttare il recente algoritmo che tiene conto della freschezza delle pagine.
 

Le domande da porsi

Come capire se abbiamo soddisfatto le aspettative del committente e quelle dei potenziali clienti? Ponendoci le giuste domande. Possiamo usare una lista di controllo sia prima di scrivere l’articolo, nella fase di pianificazione per aiutarci a mettere giù la scaletta, sia al termine della scrittura del testo come verifica.
 

Come misurare il gradimento di un articolo

Copywriter, so che non hai un buon rapporto con i numeri; tranquillizzati, non terrò né un corso di statistica né uno sugli strumenti di analisi delle metriche. Piuttosto, vorrei vedere con te alcuni semplici indicatori da usare per controllare se i tuoi articoli stanno avendo il gradimento che ti aspettavi oppure se devi correggere la rotta.
 

Le cose da non fare

Ecco una lista di cose che sarebbe meglio evitare e anche una lista nera di cose assolutamente da non fare se non vuoi compromettere l’ottimizzazione del tuo articolo per Google.
 

Il coordinamento con il team

La SEO, la disciplina dell’ottimizzazione dei contenuti per i motori di ricerca, è un lavoro che si fa in squadra perché necessita di figure professionali molto ben specializzate, preparate e aggiornate.
Per lavorare bene nel team tutti devono avere la visione generale del progetto e conoscere le esigenze dei colleghi in modo da soddisfarle nel modo migliore. Tratta ognuno dei tuoi colleghi come se fossero i tuoi clienti.
 

Obiettivi

Come ogni buon corso anche questo ha i suoi obiettivi. Quali? Arrivare tutti a un buon livello di conoscenza delle dinamiche che stanno dietro a Google e migliorare così il livello di copywriting dei nostri testi, nonché sfatare alcune leggende SEO metropolitane o luoghi comuni che non hanno nulla a che vedere con l’ambito professionale.
 
 

P.S.

Vuoi intervenire nel corso e proporre ulteriori argomenti da far studiare a Francesca per questo suo nuovo incarico? Ne sarà felicissima. 😀 Scrivi pure le tue considerazioni nei commenti qua sotto, oppure su Google+ o nella nostra Fan Page su Facebook.