Trucchi di correzione di bozze per il web

correzione bozze web

in sintesi

Prima di pubblicare i tuoi testi, gli fai il pelo e il contropelo? No? Fortuna allora che oggi ti spiego come curare la correzione di bozze per il web. Ti parlerò di come utilizzare gli strumenti di Word per correggere doppi spazi, d eufoniche, maiuscole “accentate” con l’apostrofo, etc. Ti illustrerò anche come apportare le modifiche su un PDF. Insomma, ti aspettano tanti consigli utili per far spiccare il volo alle tue bozze.

Imbozzolate in una matassa di refusi, le bozze aspettano di spiccare il volo. Spesso diventano testi definitivi prima di avere le ali. Così escono dal bozzolo, ma restano solo tristi bozze appesantite da fardelli di errori e sciatteria. Il loro sogno, invece, è quello di mostrarsi per quello che potrebbero davvero essere: testi impeccabili.

Se vuoi dare una possibilità ai tuoi testi web, se vuoi renderli impeccabili e mostrare che il tuo brand tiene davvero alla qualità dei contenuti, resta qui. Imbozzolati dentro questo post: ne uscirai pieno di consigli per la correzione di bozze digitale.

I passaggi di correzione di bozze su Word

Per una come me che viene dall’editoria, Word e i suoi sistemi di automazione per la correzione di bozze sono una vera panacea. Nello specifico, lo strumento “Trova/Sostituisci” è – come dire? – insostituibile.

Usalo per fare un primo giro di bozze e pulire gli errori che puoi scovare in un attimo:

  • Doppi spazi.
  • D eufoniche.
  • Maiuscole accentate con apostrofo (es.: E’).
  • Apostrofi mal formattati. Per intenderci, sono quelli che perdono la gobba a seguito, per esempio, di un copia/incolla.
  • Spazi tra parole e segni di interpunzione (es.: un’edizione molto , molto interessante).

Adesso ti spiego come fare per trovare tutti questi errori ed eliminarli in un secondo. Intanto tu apri lo strumento Trova/Sostituisci.

Doppi spazi

Per eliminare i doppi spazi, nel campo “Trova” batti due volte sulla barra spaziatrice. Nel campo “Sostituisci”, invece, fallo una sola volta. In questo modo stai dicendo a Word: “Trova tutti i doppi spazi e sostituiscili con uno spazio solo”.

D eufoniche

La d eufonica appesantisce il testo; andrebbe usata solo nei casi in cui serve davvero, ossia quando l’incontro vocalico tra congiunzione o preposizione e parola è uguale (es.: ed essi, ad Arianna, etc.). Si hanno tre casi di d eufonica: ad, ed, od.

Per eliminare le d eufoniche inutili, nel campo “Trova” dovrai ripetere l’operazione che segue per ciascun caso – quindi ad, ed, od. Io ora ti faccio l’esempio solo per “ad”.

  • Scrivi “ad”, quindi batti sulla barra spaziatrice.
  • Dopo lo spazio aggiungi tutte le vocali, tranne la “a” – “ad e”, “ad o”, “ad i” “ad u”, una alla volta. In questo modo troverai le occorrenze da eliminare.

Per i casi “ed” e “od” userai tutte le vocali tranne la “e” nel primo caso, e la “o” nel secondo.

Maiuscole con apostrofo e apostrofi mal formattati

Qui il lavoro da fare è molto semplice, come per il caso dei doppi spazi.

Per correggere le maiuscole apostrofate, e non accentate come dovrebbero essere, fa’ così:

  • Nel campo “Trova” scrivi dapprima E’, per esempio.
  • Nel campo “Sostituisci” inserisci la versione corretta, quindi È.

Correzione bozze web con Word

E a proposito di lettere accentate: non sai come farle, da Mac e da PC? Ecco qui un’infografica che ti tornerà utile.

Lettere accentate maiuscola

Per gli apostrofi, invece, ti basterà incollare nel campo “Trova” la versione mal formattata, e in quello “Sostituisci” quella corretta.

Spazi tra parole e segni d’interpunzione

Questo è il lavoro più lungo e complesso, che viene eseguito soprattutto per testi molto lunghi. In casa editrice, per esempio, un check di questo tipo è doveroso al primo passaggio di bozze su Word. Io te ne voglio parlare perché potrebbe tornarti utile.

Come sai, tra segno d’interpunzione e parola non deve esserci uno spazio. Con Word, quindi, possiamo effettuare un controllo minuzioso e cercare errori di battitura analoghi.

Per eliminare gli spazi tra parole e segni d’interpunzione, devi:

  • Inserire nel campo “Trova” una battuta sulla barra spaziatrice e, uno alla volta, i vari segni di interpunzione (punto, virgola, due punti, etc.).
  • Inserire nel campo “Sostituisci” il segno di interpunzione senza lo spazio che lo precede.
Ricordati di utilizzare con accortezza lo strumento “Trova/Sostituisci” di Word. Valuta, di caso in caso, se scegliere di sostituire tutte le occorrenze, o se farlo una alla volta. Ti faccio un esempio. Qualora avessi controllato, per questo post, la presenza di spazi prima dei segni di interpunzione, non avrei dovuto sostituire tutte le occorrenze. Se l’avessi fatto, sarei andata a correggere casi, corretti, come .doc.

L’utilità dello strumento Revisioni di Word

Ti potrebbe capitare di dover correggere il testo di altri. Magari di uno stagista, di un collega o del cliente. In questi casi puoi voler tenere traccia delle tue correzioni.

Lo strumento Revisioni di Word serve proprio a questo: mostrare sul documento i suggerimenti di correzione. Ti basta abilitare la revisione, mettere la spunta su “Mostra revisioni” e il gioco è fatto.

Correzione di bozze da PDF

Nel caso in cui il testo da revisionare prima della pubblicazione sia un PDF, hai tre soluzioni:

  • Chiedere a chi te l’ha mandato di girarti un .doc.
  • Convertire il PDF in .doc.
  • Apportare le correzioni su PDF.

In merito al punto 1, mi sembra di non doverti dare suggerimenti particolari. Se non quello di mostrarti assai gentile. Gentile tendente al mellifluo.

Per convertire il PDF in .doc, ti consiglio di provare il convertitore di PDF online.

Per apportare le correzioni da PDF, infine, eccoti qualche dritta:

  • In questo post trovi una lista di 20 app per inserire appunti su PDF.
  • Usa l’Adobe Reader. Se non ce l’hai, scarica la versione di prova gratuita.
  • Sul Mac, apri i PDF con Anteprima e usa gli strumenti di annotazione integrati. C’è il post-it apposta, pensa te (vedi immagine qui sotto).

correzione-bozze-PDF

E adesso sbozzola la bozza!

Imbozzolate com’erano in una matassa di refusi, le bozze aspettavano di spiccare il volo. Il loro sogno, adesso, è a un pulsante di distanza. Clicca su “Pubblica”: ora sono testi impeccabili.

So scrivere senza guardare la tastiera, ma non so guardare la tastiera senza scrivere. CEO & Founder di Pennamontata, content designer e formatrice.