OMG! Ho davvero scritto 25 headline per un post

OMG! Ho davvero scritto 25 headline per un post

HeadlineTe la dico tutta: non ho mai scritto 25 headline per un post. E quando dico mai, intendo davvero mai. Poi mi sono imbattuta in una presentazione su SlideShare – che ti mosterò più in basso – e ho voluto applicare il metodo delle 25 headline a questo post. E proprio qui ti parlerò di questa tecnica e in come potrebbe aiutarti nel tuo lavoro di copy giornaliero.

Prima di iniziare, un piccolo avvertimento: la lettura di questo post è fortemente sconsigliata ai copywriter soggetti a:

  • tunnel carpale
  • pigrizia, più o meno manifesta
  • egocentrismo, prosopopea, spocchia

Il cervello è uno scansafatiche. Anche se sei un copywriter

Si dice che il cervello si abitui facilmente alle piccoli azioni quotidiane. A quei piccoli gesti reiterati più e più volte nell’arco della settimana. A me, per esempio, capita di chiudere l’ufficio a chiave e di tornare indietro a controllare di averlo fatto davvero. Ormai quella banale azione la compio di default, senza nemmeno rendermene conto.

Questo succede perché il cervello tende a ragionare per scorciatoie, e lo fa per risparmiare energia. Ecco perché una volta sì e l’altra pure torno a controllare il portone dell’ufficio e lo ritrovo sempre chiuso. La routine è la morte delle nostre sinapsi neuronali. E guarda che fare il copywriter, essere creativo di professione, non è che ti aiuti poi così tanto se non ti aiuti tu per primo. La prima cosa da fare per evitare di cadere nell’abitudinarietà e stimolare le tue connessioni neuronali è fare qualcosa di diverso.

Basta poco. Ti basta modificare la tua routine quotidiana a partire dalle piccole cose, per esempio:

  • per arrivare a casa, non percorrere sempre la stessa strada.
  • non mangiare sempre sullo stesso tavolo o nello stesso posto (es. davanti al pc).
  • posa il cellulare quand

[slideshare id=17333198&doc=sxswslideshare-130318193644-phpapp02]