Piccolo bignami delle headline per blog post

Headline per blog

Headline per blog

in sintesi

Ogilvy diceva che le persone leggono l’headline 5 volte di più rispetto al testo di un annuncio. Quindi, con un’headline debole, siamo certi di aver buttato via 80 penny del nostro dollaro. Oggi come allora questa resta una verità granitica. Ma come si scrive un’headline che si faccia leggere? Be’, non esistono regole auree ma io qui per te ho cercato di riassumere alcuni di quelli che reputo consigli validi per scrivere buoni titoli per blog post. Ti parlerò di come ottimizzare l’headline per le persone, per il motore e per i social e ti darò qualche suggerimento per trovare la giusta headline per il tuo target.

Se sei qui per cercare la formula della perfetta headline, mi dispiace: sei nel post sbagliato. Se invece sei qui per cercare di imparare qualcosa in più su quello che, a ben vedere, il maestro Ogilvy considerava l’elemento più importante di un adv, benvenuto. Ti stavo aspettando.

Ci ho messo tanto a scrivere questo post. Ho cercato di raccogliere esempi, best practice e consigli per poter chiamare l’articolo che stai leggendo “Piccolo bignami delle headline per blog post”. Spero di esserci riuscita. [Continua...]

I numeri dello storytelling. Le storie appassionano e vendono

i numeri dello storytelling

i numeri dello storytelling

in sintesi

Lo storytelling funziona. Funziona perché le storie appassionano. Ma se spostiamo la nostra attenzione sul ROI possiamo ancora dire che lo storytelling funziona? Sì. E, aggiungo, i risultati sono da capogiro. Ce lo dimostrano i case study passati in rassegna in questo articolo, che ci mettono sotto gli occhi dati, in numeri e percentuali, che non vedrai l’ora di raccontare. Buona lettura!

Storytelling. Ne abbiamo sentito parlare tanto e in tutte le salse. E c’è un motivo, un ottimo motivo: funziona.

In questo post mi sono unita anch’io al coro delle voci, e ho parlato della strategia di comunicazione online di Jack Daniel’s, basata proprio – indovina un po’? – sullo storytelling.

Oggi ritorno sull’argomento e metto sul piatto alcuni deliziosi casi studio accompagnati da appetitosi contorni di numeri. [Continua...]

Sul web, Halloween è tutti i giorni [carrellata di mostruosità]

I mostri del web

I mostri del web

in sintesi

Le mostruosità del web non spuntano fuori solo ad Halloween, purtroppo. E, purtroppo, in tutti noi c’è un Dr. Frankenstein pronto a creare vecchi e nuovi mostri. Distrazione, superficialità, mancato aggiornamento. Sono diverse le cause che possono dar vita a errori/orrori come quelli che passerò in rassegna in questo post: dalla pubblicazione di contenuti senza passare per il controllo delle fonti alla disastrosa creazione di hashtag a doppio senso. Ci sono poi gli spaventosi zombie e mostri SEO, di cui ti parlerà Valerio Notarfrancesco. Per fortuna, dagli errori e dagli orrori – nostri e altrui – possiamo imparare. Buona lettura e buon Halloween!

Di zucconi, lì fuori – o forse dovrei dire qui dentro – ce ne sono un’infinità. C’è lo zuccone che risponde malamente ai commenti della sua fanpage, lo zuccone che “dove c’è refuso, c’è casa”, lo zuccone che dà contro al povero stagista. Ah, e sia chiaro che questi zucconi non girano solo nella settimana di Halloween. [Continua...]

Titoli e punteggiatura. La grande lezione del professor Dardano

titoli e punteggiatura

titoli e punteggiatura

in sintesi

Se di mestiere fai il copywriter sai già che la punteggiatura non è un dettaglio. Non lo è soprattutto nei titoli, che proprio grazie a un buon uso della punteggiatura si caricano ancor più di valore comunicativo. In questo post, in compagnia del celebre linguista Maurizio Dardano, e attraverso molti esempi, ti farò scoprire come usare al meglio i segni di interpunzione (in particolare i due punti e il punto interrogativo) nel lavoro di titolatura. Buona lettura!

Titoli.
Io ne scrivo parecchi ogni giorno e sono sicura faccia lo stesso anche tu. Dici di no? Ti smentisco subito: pure l’oggetto di una e-mail è un titolo. I titoli non solo li scriviamo quotidianamente; li leggiamo anche. Che siano ben fatti, sensazionalistici, acchiappa clic i titoli sono forse una delle cose che più leggiamo nell’arco di una giornata.

Oggi voglio parlarti proprio di questo importante elemento della comunicazione e lo farò attraverso le parole di Maurizio Dardano, celebre linguista italiano. Nel suo libro “Il linguaggio dei giornali italiani”, edito da Biblioteca Universale Laterza nel 1973 (sì, hai letto bene), dedica un interessante capitolo al registro pubblicitario. Nello specifico, io oggi ti riporterò la parte dedicata alla titolatura.

È davvero interessante, quindi prenditi 5 minuti per imparare qualcosa di utile. [Continua...]

Un bicchiere di storytelling offerto da Jack Daniel’s

Storytelling Jack Daniel's

Storytelling Jack Daniel's

in sintesi

Parlare dell’azienda o raccontarla attraverso lo storytelling: sono 2 modi diversi di comunicare un brand, da valutare a seconda degli obiettivi che si vogliono raggiungere. Lo storytelling permette di lavorare sulla brand identity, di fare soft-marketing e di coinvolgere il pubblico. Qui ti parlo di come l’ha utilizzato Jack Daniel’s per la sua comunicazione online.

Alcuni giorni fa testavo un testo scritto per un cliente, leggendolo al mio fidanzato. Sì, noi copywriter facciamo anche questo, ogni tanto. Un po’ per testare, un po’ pure per civetteria diciamocelo (“Guarda qui che testo che ti ho buttato giù!”).

Il testo in questione riguardava la pagina “Storia”, una sezione quasi onnipresente nei siti aziendali.

Bypassando il giudizio del tester, mi ha fatto riflettere il suo commento: “Ma poi, chi se la legge questa storia aziendale?”. Come mettere in crisi una copywriter. Già: chi se le legge questa e tutte le altre pagine “Storia” a cui ho lavorato mettendoci tutto il mio cuoricino di copy?
[Continua...]

10 modi in cui stai rovinando la tua landing page (con rimedi)

Modi per rovinare una landing page

Modi per rovinare una landing page

in sintesi

Per distruggere il potenziale successo di una landing page ci vuole poco. Una value proposition assente o poco chiara, foto stock, mancanza di credibilità, sequenza di pensiero non ottimizzata, mancanza di “sapore”, formattazione del testo caotica, design amatoriale, impossibilità di visualizzare correttamente la pagina da mobile e ancora contact form pessimo e troppe opzioni assieme possono davvero trasformarsi nella palla demolitrice della tua landing page. In questo post analizzo tutti questi problemi e, per ciascuno, ti aiuto a trovare la giusta soluzione.

Hai un prodotto che farebbe invidia al Winner Taco. Che riuscirebbe a smuovere il web più di un contest Starbucks. Che riscuoterebbe più citazioni di #unamacchinaperrudy. E allora, che diamine stai combinando con la tua landing page?

Di modi per rovinare i risultati che potresti ottenere con una landing page ce ne sono diversi. Oggi, dopo aver ripescato vecchi appunti di un webinar Unbounce, ti voglio dare una mano. Ti parlerò dei 10 principali modi con cui stai facendo un disastro, e ti aiuterò a trovare #unrimediopertutty. [Continua...]

Quando la copywriter va in vacanza

estate e copywriting

estate e copywriting
Cosa fanno i copywriter quando vanno in vacanza? Non so come si comporti la categoria in generale, ma posso dirti quello che ho fatto io in vacanza quest’anno.

Non ti racconterò delle belle spiagge su cui mi sono spaparanzata al sole, né del mio giro in mongolfiera e neanche dei posti stupendi che ho scoperto percorrendo l’Italia quasi per l’intera sua lunghezza in 3 settimane.
[Continua...]

Protezione 30. I consigli caldi dell’estate per ottimizzare i contenuti

Ottimizzazione dei contenuti

Ottimizzazione dei contenuti

in sintesi

I 30 consigli caldi dell’estate per ottimizzare i contenuti, e proteggerli dal flop, arrivano a ridosso di Ferragosto e riguardano la ricerca di un argomento interessante per la tua nicchia, la caccia al refuso, la fruibilità e l’appeal grafico del post, le buone pratiche per la condivisione social e per Google. Troverai consigli pratici, plugin utili e trucchetti che non conoscevi.

Sei spalmato su un lettino in riva al mare, ammettilo! Lo so, ti vedo. Ti vedo che “stai senz pnsier” (cit.) tra un feet-selfie, un halfie e un moon walk sul bagnasciuga. Ma so anche che sei lì a cercare nuovi post da leggere, quindi – tadà! – eccoti il mio. Resta lì, che adesso ci penso io a spalmarti i 30 consigli caldi dell’estate per ottimizzare i tuoi contenuti e proteggerti dal blog-flop.

Lo smartphone ora usalo per leggere. Alla foto dei tuoi bei piedini ci pensiamo dopo. [Continua...]

Contenuti utili, di qualità o in quantità?

Blog post

Blog post

in sintesi

Si fa un gran parlare di qualità e quantità: ma siamo davvero sicuri che siano due fattori rilevanti per la Seo del tuo blog? Google, ahinoi, non è una persona e dovremmo smettere di antropomorfizzarlo, accettando che sia un insieme di algoritmi e che certi fattori non riesca a recepirli davvero. Qual è quindi la cosa che devi tenere a mente quando scrivi un blog post? L’utilità per il tuo pubblico. Scoprine di più.

Contenuti di qualità o contenuti in quantità? Cos’è meglio per un blog? Cosa aiuta la SEO? Questa la domanda che ha aperto un recente post di Valentina (che vede anche il mio contributo), ed è la stessa che ho scelto di utilizzare per il mio.
[Continua...]

Il copywriting pò esse fero e pò esse piuma. Il tuo com’è?

Copywriting ferro o piuma

Copywriting ferro o piuma

in sintesi

Il copywriting può far bene, ma è facile pure che venga usato male. Nelle sue slide, Henneke Duistermaat mostra 17 do’s e dont’s del copywriting; io in questo post passo in rassegna alcuni episodi in cui il copywriting non fa il suo dovere. Frasi riempitive messe lì tanto per, superlativi super inflazionati, prezzo non giustificato a dovere, messaggi rivolti a una pluralità invece che al singolo cliente sono i casi che ho selezionato e analizzato per te.

Hai presente la scena del film Bianco, rosso e Verdone in cui l’immenso Mario Brega* dice: “Ah giovanò, sta mano pò esse fero e pò esse piuma. Oggi è stata ’na piuma”? Ecco, io ho sempre creduto che il copywriting fosse un po’ come la mano del camionista interpretato dall’attore: può far bene (piuma), così come può far male (ferro) se usato, per l’appunto, male.

Oggi mi ha ispirata questa condivisione di Marco Fossati, il copywriter di Mùnscia che scova sempre vere chicche. Così ho deciso di partire dal contenuto delle slide di Henneke Duistermaat, dove l’autrice parla dei do’s e dei dont’s del copywriting – e, come al solito, ci aggiungerò del mio (q.b.). [Continua...]